Con il modello CSS (Comparison Shopping Service) di Google, gli inserzionisti hanno la possibilità di realizzare le loro campagne di shopping in collaborazione con un portale di comparazione prezzi. Perché le partnership CSS sono utili per i negozi online e cosa bisogna considerare.

Dopo che Google è stato sanzionato nel 2017 per aver abusato del suo potere monopolistico in Google Shopping e ha introdotto il modello CSS (Comparison Shopping Service), i negozi online di pubblicità hanno l’opportunità di implementare le loro campagne di shopping in collaborazione con un portale di comparazione prezzi.

La fine del monopolio dello shopping

Dopo la multa record dell’UE per la concorrenza, il servizio Google Shopping Europe (GSE) non è più l’unico servizio di comparazione dei prezzi che può essere utilizzato per fare offerte per gli spazi pubblicitari su Google Shopping. Da allora, il GSE ha dovuto partecipare ad aste con fornitori esterni – i cosiddetti Comparison Shopping Services. Come per gli annunci di taxi, l’offerente con l’offerta più alta si assicura l’annuncio.

Gli inserzionisti possono ora scegliere se implementare da soli le loro campagne Google Shopping o se collaborare con partner CSS che fanno offerte per conto del rivenditore. Ciò offre anche ai fornitori tradizionali di comparazione prezzi pari opportunità e la possibilità di una maggiore visibilità nel motore di ricerca dei prodotti.

Riduzione dei CPC grazie a Google Shopping CSS

Sebbene il passaggio al modello CSS sia poco visibile per gli utenti, il negozio online di pubblicità ottiene un notevole risparmio di prezzo: per gli annunci Shopping tramite Google Shopping Europe, Google addebita un margine del 20% sui prezzi dei clic, che viene eliminato se forniti tramite il partner CSS.

Di conseguenza, anche l’asta per il rango dell’annuncio viene ridotta del 20%, il che ha un impatto diretto sulla performance dell’inserzionista e può significare uno svantaggio decisivo rispetto alla concorrenza. Per attirare l’attenzione sul nuovo modello Shopping ed evitare ulteriori penalizzazioni, Google ha rinunciato alla commissione corrispondente per le partnership CSS, a tutto vantaggio degli inserzionisti.

Cosa si deve cercare nelle partnership CSS

La maggior parte dei fornitori di CSS remunera i costi di gestione del proprio servizio di confronto prezzi con un canone mensile.

I piccoli rivenditori con un budget ridotto dovrebbero quindi verificare se la perdita di margine possa essere compensata dai costi fissi della partnership CSS. Per i grandi negozi online, tuttavia, la cooperazione con uno o più partner è solitamente redditizia.

Oltre al budget disponibile, anche la strategia è decisiva: i rivenditori che si sono concentrati in particolare sulle prestazioni e sull’efficienza possono trarre vantaggio dalle partnership CSS. Tuttavia, poiché la stretta collaborazione con un CSS richiede fiducia, gli inserzionisti dovrebbero dare importanza anche alla qualità e al servizio di assistenza del fornitore.

È ora di cambiare

La collaborazione con un CSS consente di risparmiare circa il 20% sul CPC di Google Shopping per ogni negozio online. Non ci sono svantaggi.

Quindi, se volete lottare per i migliori posizionamenti degli annunci su Google Shopping con un’offerta completa, non c’è modo di evitare l’uso di un CSS.

Themen

Die neuesten Posts