L'ultimo Google CSS Guida

Che cos’è il CSS di Google?

CSS è l’acronimo di Comparison Shopping Services – in tedesco servizi di comparazione dei prezzi – e influisce sui risultati della ricerca sulla homepage di Google.

I portali di comparazione dei prezzi (CSS) possono presentare offerte per inserire annunci commerciali per i rivenditori che rappresentano nelle pagine dei risultati di ricerca di Google. Google Shopping fa offerte per conto dei commercianti che rappresenta, come qualsiasi altro sito di confronto prezzi.

Ciò significa che il rivenditore può utilizzare gli annunci Shopping nella pagina dei risultati di ricerca di Google in diversi modi: Potete inserire i dati dei vostri prodotti per qualsiasi portale di confronto prezzi, compreso Google Shopping. Ma potete anche utilizzare più portali di confronto prezzi contemporaneamente.

In origine, Google utilizzava la pagina dei risultati di ricerca esclusivamente per il proprio comparatore di prezzi, Google Shopping. Altri confronti di prezzo sono apparsi molto più tardi nei risultati della ricerca. In questo caso, la Commissione europea ha riconosciuto la concorrenza sleale perché Google ha sfruttato la sua posizione di mercato monopolistica per privilegiare la propria offerta.

Per creare pari opportunità, Google ha aperto la piattaforma pubblicitaria con il nome di Google Shopping Europe (GSE) come comparatore di prezzi e l’ha aperta a siti di comparazione prezzi esterni – dai cosiddetti partner di Google CSS. In seguito a questo riallineamento, tutti gli annunci di shopping che appaiono nei risultati di ricerca principali di Google fanno parte di un servizio di shopping comparativo (CSS).

Google Shopping stesso funziona anche come CSS („From Google“), partecipa all’asta di offerta come le altre piattaforme di confronto prezzi e compete con altri CSS che presentano offerte per conto dei rivenditori.

Per utilizzare il proprio comparatore di prezzi in conformità con l’UE, tuttavia, il comparatore di prezzi di Google trattiene circa il 20% dell’offerta di un rivenditore che utilizza il comparatore di prezzi di Google come margine. Solo in questo modo Google Shopping Europe può essere considerato un comparatore di prezzi indipendente, che di conseguenza deve lavorare in modo orientato al profitto.

Grazie alla sentenza del tribunale, i rivenditori possono ottenere uno „sconto CPC“ del 20% quando fanno pubblicità attraverso un CSS. Il motivo è che Google è costretto a fare di Google Shopping un’entità separata che genera entrate.

Quindi, quando si ottiene un clic da una campagna di Google Shopping, il 20% del costo per clic va all’entità aziendale di Google Shopping e l’80% a Google, mentre quando si ottiene un clic da una campagna CSS Shopping, lo 0% va al partner CSS e l’80% a Google.

Se utilizzate un partner CSS per i vostri annunci, il margine per Google Shopping Europe viene completamente eliminato.

Per gli utenti di Google, la differenza è appena percettibile: l’unico cambiamento visibile è l’aggiunta della riga „Da ….“ nella parte inferiore del display.

Cosa cambierà con l’utilizzo di CSS Shopping?

Per voi come inserzionisti, cambierà in particolare la composizione delle vostre offerte di Google Shopping, con le quali partecipate all’asta per il posizionamento degli annunci:

Supponiamo di iniziare con un’offerta CPC di 1$. Se si utilizza ancora Google Shopping Europe, verranno detratti 0,20 €. Il risultato: Per il rango dell’annuncio, l’offerta è ridotta a 0,80 €.

Se non pubblicizzate i vostri prodotti tramite il GSE, ma tramite un altro partner CSS di Google, questo margine non è più applicabile. Le offerte vengono inserite nell’asta per intero, cioè 1 euro.

Il vostro vantaggio: Vincete un numero significativamente maggiore di aste con la stessa offerta CPC e potete aumentare significativamente il vostro traffico e le vostre vendite.

Vale la pena passare a un partner CSS di Google?

Tutti coloro che gestiscono Google Shopping Ads dovrebbero passare a Google Shopping CSS con l’aiuto di un partner CSS. Lo sforzo è minimo, ma i benefici sono enormi.

Nella maggior parte dei settori, ormai così tanti rivenditori online utilizzano i CSS che, se non si utilizza un partner CSS, non si è più competitivi come negozio e si partecipa alle aste con offerte conseguentemente più basse.

Strategie e buone pratiche per l’uso ottimale dei CSS

Se avete deciso di passare a un partner Google CSS, sorge la domanda su quale sia la configurazione ottimale di account e campagne: Ha senso trasferire tutti gli account a un partner Google CSS? O ci sono addirittura vantaggi nella visualizzazione dividendo i conti tra GSE e CSS? Come dovrebbe essere la configurazione dell’account e della campagna dopo il trasferimento?

Variante 1: la doppia strategia

Con una doppia strategia, utilizzate Google CSS e Google Shopping Europe in parallelo.

Con la doppia strategia, avete la possibilità di fornire al traffico offerte diverse a seconda del suo posizionamento (ricerca principale di Google e scheda Google Shopping e reti partner). Questo sarebbe particolarmente utile perché il traffico sulla scheda di Google Shopping e sulle reti partner ha spesso prestazioni significativamente peggiori rispetto alla pagina principale di Google:

  • Offerte elevate sulla pagina principale utilizzando un account CSS
  • Offerte basse su Google Shopping Tab e reti partner utilizzando un account GSE

Quindi si utilizzano diversi conti per coprire diversi posizionamenti. Questa strategia è particolarmente rilevante per gli inserzionisti di grandi dimensioni che non si sottraggono a un impegno crescente.

Variante 2: passaggio completo a CSS

In pratica, la doppia strategia raramente porta a un valore aggiunto quantificabile quando lo sforzo di manutenzione è notevolmente maggiore. Raccomandiamo pertanto il passaggio completo di tutti gli account e delle campagne Google Shopping a CSS.

Grazie all’impegno ridotto, la mossa completa rappresenta il rapporto ottimale costi-benefici: Pochissimo sforzo e pieno utilizzo di tutti i vantaggi del CSS.

L’integrazione: switch completo o associazione

Per visualizzare gli annunci di Google Shopping tramite un partner CSS, esistono due opzioni per convertire un account Google Shopping Europe esistente in CSS: Passaggio completo o Associazione.

Con uno switch completo, il Merchant Center Account (MCA) dell’inserzionista è completamente integrato nel Multi Client Merchant Center (MCC) del partner CSS. Ci sono alcuni aspetti tecnici da considerare quando si effettua questa mossa. Se non viene spostato l’intero MCA, ma solo un sottoaccount, è possibile, ad esempio, che i diritti di accesso vadano persi durante lo spostamento.

Il vantaggio principale del full switch è che il partner CSS ha accesso ai dati del prodotto. In questo modo può identificare personalmente le cause dei problemi e correggerle, se necessario. Tuttavia, la dipendenza dell’inserzionista dal partner CSS è maggiore rispetto alla semplice associazione secondo il modello di associazione e richiede la fiducia di entrambe le parti.

Se un inserzionista sceglie il modello di associazione, il suo MCA viene collegato al partner CSS in modo relativamente semplice. In questo caso l’impostazione dell’inserzionista può rimanere invariata, lo sforzo di ricollocazione è molto basso. È sufficiente un’e-mail del partner CSS a Google per richiedere il passaggio. Se da un MCA viene convertito solo un sottoconto, si applicano gli stessi pericoli di perdita dei diritti di accesso come nel caso di un passaggio completo.

I vantaggi del metodo full switch appena menzionato (accesso completo ai dati del prodotto e loro comprensione da parte del partner CSS) non hanno un effetto immediato in questo caso. Tuttavia, il partner CSS può avere accesso all’account del cliente o al feed di dati tramite inviti utente corrispondenti.

L’interruttore completo e l’associazione non differiscono quasi per quanto riguarda la gestione e la cooperazione. È più una questione di fiducia, controllo e flessibilità se un inserzionista sposta l’intero account sull’MCC del partner CSS o se è collegato tramite l’associazione.

Come scegliere il partner CSS giusto?

Prima di scegliere un partner CSS, è necessario verificare se si tratta di un fornitore affidabile o ufficiale, idealmente stabilito da tempo.

Non c’è nulla di per sé contro gli operatori più piccoli del mercato; tuttavia, assicuratevi di ricevere un’assistenza rapida ed efficace in caso di problemi. Pertanto, informatevi sui loro servizi e sui periodi di preavviso dei potenziali partner.

Anche il modello di prezzo e i costi sostenuti sono un punto rilevante: Il portale applica CPC o CP (costo per vendita) aggiuntivi? Forse è necessaria anche una tariffa forfettaria mensile?

Anche servizi aggiuntivi come l’ottimizzazione della campagna Google Shopping possono essere rilevanti per voi.