Come ridurre del 20% i costi di Google Shopping

Un rivenditore online che pubblicizza le proprie offerte tramite Google Shopping Ads può ridurre i costi pubblicitari di circa il 20%. Ciò è reso possibile da una riorganizzazione del motore di ricerca dei prezzi Google Shopping, che Google ha dovuto effettuare a seguito di una multa per la concorrenza imposta dalla Commissione UE.

A cosa si riferiva la sentenza contro Google?

La Commissione europea ha multato Google per 2,42 miliardi di euro per aver violato le norme antitrust dell’UE. Google ha abusato della sua posizione dominante sul mercato come motore di ricerca, conferendo un vantaggio illegale a un altro prodotto di Google, il suo servizio di comparazione degli acquisti.

Di conseguenza, Google ha scorporato il motore di ricerca dei prezzi Google Shopping e lo ha aperto ad altri portali di confronto prezzi (Comparison Shopping Service, in breve CSS). Da allora, Google Price Comparison ha dovuto prenotare spazi pubblicitari su Google Shopping stesso ed è quindi in concorrenza con gli altri portali di comparazione prezzi.

Questo cambiamento è ora direttamente riconoscibile anche visivamente negli annunci di Google Shopping. Oltre alle informazioni sul prodotto nella parte superiore dell’annuncio, ora sono presenti anche informazioni sul portale da cui è stato inserito l’annuncio, sotto forma di link in basso. Se si tratta di un annuncio di Google stesso, il testo recita „da Google“; se l’annuncio proviene da un servizio di shopping comparativo (CSS), il nome di quest’ultimo viene visualizzato. Facendo clic sul testo, gli interessati vengono portati direttamente dalla ricerca web al portale dell’inserzionista.

Come possono i rivenditori online risparmiare su Google Shopping?

Per voi, in quanto rivenditori online, gli aspetti visivi sono meno interessanti delle modifiche apportate all’asta per gli spazi pubblicitari. Come di consueto con Google Ads, gli spazi pubblicitari disponibili in Google Shopping vengono messi all’asta al miglior offerente mediante un processo di offerta.

Poiché non è più solo Google, ma anche altri portali di comparazione dei prezzi (CSS) nello Spazio Economico Europeo a poter pubblicare annunci di Google Shopping, ora c’è una concorrenza aperta nella vendita all’asta degli spazi pubblicitari. La differenza di costo è notevole quando gli operatori dei negozi online fanno visualizzare i loro annunci attraverso i Comparison Shopping Services (CSS).

Se gli annunci vengono inseriti direttamente tramite Google Shopping Europe (GSE), cioè „via Google“, il motore di ricerca si prende un margine di circa il 20%. Il restante 80% dell’importo viene infine utilizzato per fare offerte per gli spazi pubblicitari. Questo margine nei confronti di Google non si applica se si inseriscono le inserzioni tramite altri portali di confronto prezzi.

In concreto, ciò significa che un rivenditore online fornisce a Google 1 euro per ogni clic per l’inserimento di annunci in Google Shopping Ads. Google trattiene 20 centesimi di questo importo e offre i restanti 80 centesimi sugli spazi pubblicitari disponibili. Un altro rivenditore online fornisce anche un servizio di Comparison Shopping (CSS) con 1 euro a clic per l’inserimento di annunci in Google Shopping Ads. Il portale di comparazione prezzi non detrae un margine da questo importo, ma offre l’intero importo di 1 euro sugli spazi pubblicitari disponibili. Ciò si traduce in un vantaggio di prezzo o in un risparmio di costo di 20 centesimi per l’operatore del negozio online.

Tutti gli altri parametri rimangono completamente invariati. Si inseriscono le inserzioni come prima tramite il proprio account Google Ads. Anche il vostro Merchant Centre non verrà modificato. Risparmiate semplicemente il 20% per ogni clic.

Themen

Die neuesten Posts