Google Shopping CSS è il modo più efficiente per inserire annunci Shopping. CSS sta per Comparison Shopping Service e si riferisce alla ricerca principale sulla homepage di Google. Finora Google utilizzava la pagina dei risultati di ricerca esclusivamente per il proprio: Il confronto dei prezzi di Google Shopping. Altri comparatori di prezzo sono apparsi nei risultati di ricerca solo molto più tardi. La Commissione europea ha riconosciuto che si tratta di concorrenza sleale.

Per creare pari opportunità, Google ha rilanciato la piattaforma pubblicitaria con il nome di Google Shopping Europe (GSE) come piattaforma di confronto prezzi e l’ha aperta a siti di confronto prezzi esterni, i cosiddetti partner di Google CSS. Di conseguenza, tutte le inserzioni Shopping che compaiono nei risultati di ricerca principali di Google fanno parte di un servizio di Comparison Shopping (CSS).

Google Shopping stesso agisce anche come CSS („Da Google“), partecipa all’asta di offerta come le altre piattaforme di confronto prezzi e compete con altri CSS che fanno offerte per conto dei rivenditori. Tuttavia, Google trattiene circa il 20% dell’offerta CPC massima come margine per poter utilizzare il proprio comparatore di prezzi in modo conforme all’UE. Ciò significa che le vostre offerte nell’asta di Google Shopping sono sempre ridotte di circa il 20% se utilizzate Google Shopping Europe come CSS. Se utilizzate un partner CSS di Google per le vostre inserzioni di Google Shopping, il margine non si applica.

Per gli utenti di Google, la differenza è difficilmente riconoscibile: l’unico cambiamento visibile è l’aggiunta della riga „Da ….“ nella parte inferiore del display.

In quali paesi sono presenti i partner CSS di Google?

I portali di comparazione dei prezzi possono inserire annunci commerciali e inserzioni gratuite di prodotti per conto dei rivenditori nei seguenti Paesi: Germania, Austria, Svizzera, Belgio, Repubblica Ceca, Danimarca, Finlandia, Francia, Grecia, Ungheria, Irlanda, Italia, Paesi Bassi, Norvegia, Polonia, Portogallo, Romania, Slovacchia, Spagna, Svezia e Regno Unito.

Come funzionano i partner CSS di Google?

I portali di comparazione prezzi possono presentare offerte per inserire annunci commerciali per i rivenditori che rappresentano nelle pagine dei risultati di ricerca di Google. Google Shopping, come qualsiasi altro portale di comparazione prezzi, può quindi fare offerte per conto dei rivenditori che rappresenta.

Ciò significa che il rivenditore può utilizzare gli annunci Shopping nella pagina generale dei risultati di ricerca di Google in modi diversi: Potete specificare i vostri dati di prodotto per qualsiasi portale di confronto prezzi, compreso Google Shopping. Tuttavia, potete anche utilizzare più portali di confronto prezzi contemporaneamente.

I partner CSS di Google Shopping utilizzano un account Merchant Centre separato per ogni commerciante che rappresentano. Con il rispettivo account, possono caricare l’inventario per un rivenditore ed eseguire campagne di shopping per suo conto. È possibile aggiungere prodotti anche tramite l’editor di prodotti di Google My Business.

Tutte le campagne Shopping devono rispettare le stesse linee guida per le inserzioni Shopping e i requisiti dei dati dei prodotti. Ciò significa, ad esempio, che le inserzioni commerciali devono condurre gli utenti direttamente alla pagina di destinazione del rivenditore, dove è possibile acquistare il prodotto pubblicizzato.

Gli annunci Shopping sulle pagine dei risultati di ricerca generali di Google nei Paesi in cui è disponibile il programma per i portali di comparazione dei prezzi indicano anche da quale portale di comparazione dei prezzi è stata caricata l’offerta (vedi link „Dal portale di comparazione dei prezzi“ alla fine dell’annuncio). Quando gli utenti cliccano su questo link, vengono reindirizzati al sito web del portale di confronto prezzi.

Passate subito a ccspartner.io e risparmiate

Domande frequenti sui CSS di Google Shopping

Varie possibilità di utilizzo del CSS di Google Shopping

Esistono molti portali di confronto prezzi (CSS), tra cui Google Shopping. I singoli portali si differenziano per specializzazione, servizi disponibili e modelli tariffari.

Alcuni sono specializzati in determinate categorie, come l’abbigliamento. Alcuni consentono di gestire automaticamente i feed e le campagne.

Altri offrono strumenti con cui è possibile organizzare autonomamente i dati dei prodotti e le strategie di offerta. Esistono anche modelli ibridi e i portali di confronto prezzi possono offrire una serie di servizi aggiuntivi.

Alcuni CSS applicano una tariffa per clic, mentre altri pagano una commissione se il clic su un annuncio porta a una vendita. Combinando i punti di forza di diversi portali di comparazione dei prezzi, potete migliorare le prestazioni complessive delle vostre inserzioni commerciali.

Dovete collaborare con almeno un portale di comparazione prezzi per inserire annunci di acquisto o inserzioni gratuite di prodotti; potete anche utilizzare più portali contemporaneamente.

Themen

Die neuesten Posts